Memento: vafff… day

beppe-v-day.jpgvaff...day

¿Serà cuestion de neuronas o de agendas demasiado apretadas? I movimenti osmotici dei nostri parlamentari e deputati sembra abbiano solo una direzione.

Vaff….day,  fuori i ladri dal nostro parlamento e sbatteteli dentro! C.

Published in: on settembre 7, 2007 at 12:17 pm  Comments (2)  

Silenzio, c’e’ il Vday.

Dissolvenza.

Esterno giorno.

Un gruppetto di gente cammina in strada.

D’improvviso uno di loro cava di tasca una bussola, la osserva e fa cenno agli altri di seguirlo.

Rumori di strada.

Il gruppetto cammina.

Attraversa piazza Barberini, la fontana scroscia, il solito matto abbaia.

Il sole taglia la piazza, i palazzi alti gli impediscono di invaderla.

Il bar all’angolo trabocca di stranieri vocianti.

Piano medio sul barista che asciuga un bicchiere all’interno del bar.

Campo lungo. Il gruppetto inizia la discesa, la strada all’ombra conduce verso il Corso, in pendenza.

Primissimo piano su un uomo del gruppo. Ha barba bianca, lieve sorriso.

Soggettiva. Vede la discesa.

Fuori campo ancora rumore di strada. Vociare confuso. 

Figura intera dell’uomo, il vento accarezza la sua camicia e i suoi pantaloni, gli segna i contorni.

Campo lungo, il gruppo procede che sembra un quadro famoso.

Soggettiva del gruppo. C’e’ un banchetto infondo alla strada, avvolto nella luce accecante del sole.

Il cielo, in alto, e’ di un blu pervinca luminoso.

Piano medio. L’uomo con la barba ricaccia fuori la bussola.

Fuori campo. Rumore di passi in strada, mescolati ai rumori del traffico.

L’inquadratura segue la soggettiva della discesa.

Campo lungo. Il banchetto con alcune persone intorno. Campo medio. Il banchetto occupa quasi l’incrocio infondo alla strada.

Primissimo piano del logo sul banchetto.  

vday_logo.png

Dissolvenza.

(A 24 ore nessuno ne parla. Nemmeno io)

(E.)

Published in: on settembre 7, 2007 at 10:36 am  Comments (15)