L’arte

                        

-Sai che i primi giorni avevo paura di deluderti? Pensavo che essendo così lontano dall’Arte..non fossi stato interessante…- disse.

Avrebbe voluto abbracciarlo, ma non poteva, era dall’altro capo del filo quindi disse soltanto: – l’Arte non ha bisogno di orpelli… è nuda – .Poi guardò la camicia che si era infilata distratta dopo una notte insonne e sorrise…L’Arte…se l’avesse guardata in faccia nuda o vestita avrebbe fatto una risata.

– E’ una mia frase, ma puoi tenerla – gli disse, ma se fosse stato lì forse avrebbe detto dell’altro, forse l’avrebbe vista lì, buffa, e magari avrebbe sorriso anche lui.

Ma rimase in silenzio, pensando all’Arte, al suo concetto personale, sfuggente, di quel demone-fata che si racchiude in quel concetto.

Voleva dirgli ogni cosa, ma non c’era tempo e il telefono non permetteva queste libertà. Voleva dirgli che l’Arte è prima di tutto Amore, allo stato puro, quindi per questo è nuda, come lo è l’Amore. Nuda anche quando si manifesta con tutta la sua forza, nuda quando fuoriesce da uno sguardo che si stupisce di una cosa del tutto naturale.

Voleva dirgli che con quella frase aveva parlato d’amore, ma forse lui l’avrebbe capito ripensandoci. Un giorno l’avrebbe capito, forse.

Abbassò il ricevitore dopo averlo salutato e si rannicchiò a pensare, con la camicia troppo grande e la mente altrove.

Aveva rincorso l’Arte come l’Amore, l’aveva dato forse, l’aveva vista a volte nei suoi guizzanti aspetti, ma non aveva afferrato né l’uno, né l’altra. Troppo presa dal rincorrerla e stanca quando poteva afferrarla, troppo ansiosa di donarlo e paurosa nel riceverlo. Vulnerabile. Nuda. Di una nudità che forse aveva fatto temere, aveva affascinato e aveva ferito.

Il campanello la ridestò. Non era lui. Non poteva.

Dietro la porta trovò il vicino, che la guardò nella sua camicia: – Le ho portato il ginseng, ricorda? – . Si era dimenticata, ma disse di ricordarsi, un giorno l’aveva vista fiacca e le aveva parlato degli effetti miracolosi di quella radice così magica.

Tornò ai suoi pensieri. Quell’uomo le aveva dimostrato che l’Amore spesso ha altre forme. Anche di radice.

(E.)

Published in: on ottobre 2, 2007 at 10:25 am  Comments (1)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2007/10/02/larte/trackback/

RSS feed for comments on this post.

One CommentLascia un commento

  1. Molto bello.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: