Terrorismo

Rientrata da tre giorni di gironi danteschi, fra corsie di ospedale, urla, lamenti, sporcizia, disservizi, bugie, accendo il mio computer, dopo aver scambiato le mie prime parole del lunedi.

Trovo fra i cadaveri di e-mail non lette nei giorni scorsi, una mail del Direttore del Sistema Informatico Aziendale.

La lascio per ultima, prima sbrigo le urgenze. Mi rimane lei, quindi entro e leggo.

Una caterva di norme di Policy sull’uso indiscriminato di internet e sulle sanzioni che verranno applicate per i contravventori.

A parte l’uso del tutto illegale per tutte le leggi interne e non (come la pornografia) e l’uso utilitaristico (peer-to-peer e acquisti on line fatti dall’ufficio), si ammonisce anche dall’utilizzo di wall-paper non aziendali, dal surfing in siti non per uso aziendale (ma come faresti a dimostrare che in quel momento quel sito ti serviva per un motivo di lavoro o no?), dall’utilizzo di mail private, quando si fa espresso divieto di usare la e-mail aziendale per motivi personali anche di estrema urgenza.

Insomma le motivazioni comunque sono relative alla sicurezza interna dell’Azienda, sicurezza di qualsiasi genere. E ovviamente si aggiunge anche la necessita’ di produttivita’ che viene richiesta. Nel senso non si puo’ scaldare la seggiola. Certo.

Le pene minime sono di blocco di siti esterni alla Azienda (ma l’Azienda lavora anche prendendo informazioni fuori da essa e quindi come si fa a non compromettere la produttivita’ se mi serve una informazione che prendo da internet?).

Mistero.

Ho inviato a tal proposito una mail informativa in lingua italiana, per far comprendere bene questa comunicazione, tuttavia le leggi italiane in proposito non sono precise, lasciano limiti di buon senso e di uso e abuso che non sono chiaramente definibili.

In tutti i casi siamo stati informati tutti, grandi e piccoli: siamo sotto controllo, se non lo sapevamo, e rischiamo di essere gambizzati (virtualmente per il momento).

(sulle pene massime si lascia intuire ai lettori attenti)

Merci.

(E.)

Published in: on ottobre 22, 2007 at 11:17 am  Comments (13)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2007/10/22/terrorismo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

13 commentiLascia un commento

  1. vorrei, a proposito di terrorismo segnalare a voi tutti un post:
    http://primadellafine.com/?p=69
    dove andremo a finire?

  2. don’t worry ..è tutto solo intimidatorio!!!
    per dimostrare che hai violato le policy di sicurezza loro dovrebbero violare la tua privacy!!! …e la privacy vince su tutto!!!
    certo è che se utilizzi la mail aziendale per mandare c.v….

  3. Eccerto, bituni! Appunto parlo di terrorismo!
    Siamo sommersi dalle intimidazioni.

  4. Nella mia azienda l’hanno fatta più semplice: su molti siti anche “normalissimi” compare una scritta WEBSENSE: IL PRESENTE SITO E’ SOTTOPOSTO A FILTRO.
    Così si blocca l’accesso a quel sito a tutta l’azienda senza ledere la privacy di nessuno.
    D’altro canto, non è possibile impedire l’utilizzo della mail aziendale per motivi personali per il semplice motivo che anche gli indirizzi di mail personali come Hotmail, Yahoo, ecc. sono sottoposti a filtro…🙂

  5. invece nel comunicato era ben scritto che e’ fatto divieto esplicito di usare come mail personale quella aziendale e che non e’ ammesso accesso ad eventuali mail personali

  6. Mazza…della serie “Compratevi un PC personale”…
    Da noi in effetti sono un po’ più morbidi.
    Ok d’ora in poi ti scriverò tenendo conto che i messaggi li potrai leggere solo la sera a casa.
    Baci

  7. ehehe ma chi te lo dice!
    E adesso che sto facendo?
    Anche quello che faccio adesso e’ proibito sai?
    Da oggi ho iniziato ad assumermi la responsabilita’ delle intimidazioni altrui.

  8. A me va bene, purché non ti mettano in ambasce…

  9. Ne ho i coglioni pieni.

  10. anche da m e appare…IL PRESENTE SITO E’ SOTTOPOSTO A FILTRO.

  11. […] a parte questa differenza, le conseguenze del bizzarro sbilanciamento  tra il miglioramento della produttivita’ agricola e la disponibilita’ di stili di vita alternativi nelle citta’ non sono molto […]

  12. Gentile E.,
    vorrei spiegarti il motivo per cui ti ho linkata al mio articolo che parla di una storia accaduta 200 anni fa a persone lontane e dimenticate dalla storia. Il terrorismo aziendale che si manifesta oggi e di cui parli sopra, per alcuni versi mi ricorda il terrorismo che i dominatori Inglesi praticarono sugli Highlanders Scozzesi nella storia che racconto. E’ vero, il passo e’ molto lungo. Tuttavia mi impegno a cancellare il link dal mio sito al piu’ presto se vuoi. Grazie e scusa del disturbo.

  13. ci mancherebbe jane, ne sono onorata, visto che trovo che il tuo articolo e gli argomenti di cui tratti siano molto interessanti!
    grazie a te!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: