In fretta e furia

Velocemente, senza respiro, col cuore in gola per la fretta del diavolo, che corre veloce dietro le mie spalle.

Lascio la Madunina per qualche giorno.

Mi rallegro di poter riveder le stelle che baciano la città eterna, che raccoglie gli amori della mia vita e gli affetti più intimi della mia essenza.

Pregusto due passi e un bignè.

Lascio la scia del sorriso che ho sulle labbra.

(E.)

Annunci
Published in: on novembre 15, 2007 at 6:43 pm  Comments (10)  

Set Magenta free

200px-magentasrvb_pantone_cmjn.jpg  

Curiosità (almeno per me, risulta una vera notizia)

Ecco due versioni della stessa storia del color MAGENTA (stessa fonte, wikkipedia, ma due lingue diverse).

Il magenta è stato uno dei primi coloranti su base di anilina, scoperto poco dopo la Battaglia di Magenta (1859), che si svolse nella cittadina lombarda di Magenta nei pressi del fiume Ticino, sulla via per Milano. Il colore prese il nome dalla battaglia e, di conseguenza, anche dalla città.

Magenta es una palabra italiana inspirada por la batalla ocurrida en Magenta el 4 junio de 1859, en alusión al color oscuro de la sangre derramada. Se asemeja al color fucsia (difiere por su color más intenso, virando al violeta) que tiene a su vez origen en el apellido del botánico alemán del siglo XVI Fuchs, que describió un arbusto de la familia de las Oenoteráceas, con ramas lampiñas, hojas ovales, agudas y dentadas, y flores de color rojo oscuro.

Morale della fava:  La  Deutsche Telekom, di TCERMANIA ha comprato il codice del magenta. Tutti puniti?

(C.)

Published in: on novembre 15, 2007 at 12:12 am  Comments (13)