Pelle di pane

I sapori che amo di più sono normali, cosa che farebbe pensare alla mia perfetta normalità. Mi fermo un attimo, mi accorgo che iniziare un post parlando di normalità o comunque parlare di normalità rischia di farmi piovere addosso le solite frasi del genere: normale? E cos’è normale? Quali sono i canoni di normalità?
Pertanto mi rimangio tutto, che a proposito di sapori ci sta anche (chissà che sapore hanno le mie parole) e ricomincio.
Mi piace il sapore del pane appena sfornato. Ma a chi non piace?
Mi piace il pane in tutte le sue vesti, anche quelle sofisticate. Quello coi semi di papavero, con i semi di girasole, quello con le noci e con l’uvetta che diventa un dolcetto, quello con la segale.
Ma il pane migliore resta quello bianco, quello poco cotto, quello che sa ancora di lievito.
Pane salato ovviamente. Lo sciapo non l’ho mai capito anche se ho sempre avuto intorno toscani che ne elogiavano le proprietà nuziali con pietanze di ogni tipo senza peraltro capire, a parer mio, che il pane non per forza dev’essere accompagnato. È buono da solo.
Così com’è.
Le mie abitudini alimentari sono discutibili.
Feci una scelta che non mi pesa nemmeno troppo, a diciassette anni. Smisi di mangiare carne e parenti.
Ma niente di ideologico, sia chiaro.
Non sono veganamarzianasaturniana io.
Si trattava di una scelta dopo una scena raccapricciante.
Che vi racconto.
Se ne avete voglia.
Diciassette anni, quasi estate, preparazione agli esami di maturità.
Invitavo a casina compagnucci di ogni tipo, dagli scapestrati in cerca di tesina bell’e fatta ai convinti che la vita sarebbe terminata con una eclissi totale in diretta televisiva. Dai terreni terraioli ai presunti grecisti fans di aristofane, con tanto di striscioni.
Ogni tanto andavo io da loro.
Fui ospitata da un sofista, non tanto sofista per le scelte quanto per il cognome, che vi risparmio.
Abitava in un paesino, in campagna. Con tanto di aia, di pecorelle e gallinelle. Una roba bucolicissima e piena di odori nauseabondi.
La casa era tutta centrini e mamma con scialle nero, con papà con balcone spelato sul cranio e baffoni folti a proporzionare la quantità tricotica totale.
Si studiava, lui ogni tanto lanciava le solite frasi mortificanti del tipo: se fossi più magra mi piaceresti. Era un mio problemino avere un po’ di pancetta, sì, cosa che non si direbbe oggi, tuttavia me ne fregavo altamente, specie perché ridevo sotto i baffi metaforici comprendendo le origini genetiche delle folte sopracciglia che adornavano i suoi occhi da pesce lesso.
Si studiava e si commentava, letteratura latina, uscì greco allo scritto, quindi il latino andava ripassato all’orale (peccato che io portavo italiano e filosofia, ma si sa che la secchia rapita, era sì rapita, ma secchia rimaneva!).
Ad un tratto un urlo straziante di bimbo. Mi destai sollevando il mio pancino dalla seggiola merlettata e mi avvicinai alla finestra semiaperta sull’aia.
Il piagnucolio continuava insistente e il sopracciglione sofista ridacchiava come se sapesse.
Pensavo a quanto fosse sadico.
Il suo ghigno me lo ricordo ancora, lo caratterizzava eppure non era così stupido.
Non tanto almeno.
Insomma, mi avvicinavo e cercavo di scostare la tenda che svolazzava e nascondeva la visuale completa sull’aia.
Vidi del sangue. A irrorare la pavimentazione del cortile.
Un incubo. Mentre continuava il pianto.
Scostata la tenda capricciosa ecco il piccolo. Un maiale in agonia, sgozzato e peripatetico.
Il sofista commentava la scena dicendo che era tradizione ammazzarlo e che ci si faceva non so che ben di dio, persino con le sue setole. Pensavo ai pennelli e a quanti ne avevo usati. Pensavo al pennello grande e al grande pennello per cercare di distrarmi.
Ma il sangue era lì, come un fiume, e il maiale piangeva e si lamentava.
Terribile.
Decisi lì su due piedi di non mangiare più quella roba.
Prosciutti, salami, bistecchine e coratelle, trippe pe’ gatti e cose così.
Senza nessun motivo se non lo strazio. Che non posso dimenticare.
Bene, raccontato questo aneddoto, torno ai sapori.
Vado matta per i carciofi, il sapore dei carciofi alla giudia è una cosa magnifica.
Le patate in tutti i modi, sotto e sopra, di lato e di fianco.
Il pesce che non urla e non piange lo mangio. Quindi lo mangio.
Solo che il re di tutti i sapori è il pane.
Bianco, poco cotto e salato.
Dite che aumenta ancora?

(E.)

Published in: on dicembre 13, 2007 at 2:14 pm  Comments (7)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2007/12/13/pelle-di-pane/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. emma, neanch’io mangio carne, per un episodio analogo accaduto a casa MIA nel MIO cortile… comprendo e rivedo tutto!

  2. Anch’io vidi una volta ammazzare un maiale (non era piccolo, ma una scrofa adulta) alla vecchia maniera…ero in Lucania, a casa di un amico, gennaio 1984.
    Lasciata la povera bestia sezionata all’addiaccio per tutta la notte, il giorno dopo cominciarono a lavorarla.
    Il mio amico, i suoi fratelli ed io eravamo lì con qualche bottiglia di Aglianico del Vulture. Ogni tanto trafugavamo scherzosamente qualche pezzettino di carne che arrostivamo cantando in un pentolino sul caminetto.
    Capisco che la mia storia è antitetica rispetto a quella della mia cara amica Emmina, ed è un concetto difficile da esprimere a parole perché, anche se sono un carnivoro viscerale, amo molto gli animali e ne ho il massimo rispetto.
    Mi sono andato convincendo che il fatto che un animale nasca e venga allevato a scopo alimentare renda meno cruenta la sua morte.
    Forse sono cazzate, però cerco quanto meno di evitare la cacciagione.
    E poi chi ci dice che l’insalata non soffra quando la strappiamo dalla terra?

  3. Paoletta, condividiamo anche questo pezzo, mi sento in compagnia allora…
    George carissimissimo, la mia scelta, come credo sai, non è dovuta a nessuna valutazione di sofferenza altruistica, solo al dolore che provai io. Sono stata egoista in questa scelta e lo rivendico.
    La sofferenza degli esseri viventi mi provoca altra sofferenza poi, questo è anche vero, tant’è che le mie piante le curo come fossero bambine e quando vedo le foglie a terra mi dispiaccio e mi chiedo come ogni madre fa quando vede il figlio far cose che non dovrebbe: in cosa ho sbagliato?
    Detto questo sul pane nessuno ha detto nulla e mi dispiace🙂

  4. Certo che aumenterà ancora… Con tutti i cinesi che si sono messi in testa di vivere nel ventunesimo secolo!
    Battute a parte, adoro anche io il pane, ma in questo momento sopra ogni altro piatto preferisco il polmone lesso passato al burro! Quindi comprendi bene Emma che sono molto vicino nello spirito alla tua scelta alimentare.

  5. Giusto Emmina, sul fatto del pane…peccato che a Milano sia sempère più difficile trovarlo col sapore di una volta. Io preferisco il bocconcino di grano duro, saporito e “pratico” (nel senso che è monoporzione)🙂
    Il pane più buono della mia vita lo assaporai in Val di Susa…cotto nel forno a legna…o basta là!

  6. Prima ancora di leggere avevo l’acquolina in bocca

  7. Di pane non ne mangio praticamente più, mi piace molto ma è un’abitudine che ho perso insieme a una 15ina di chili due anni fa. Alla carne non riuscirei a rinunciare per nessun motivo.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: