Loro mangiano al buio

La vita è una brioche, diceva un amico di mia madre. Poi proseguiva con altre cose meno edificanti quindi non proseguo, tuttavia non aveva tutti i torti.
Parigi mi ha accolta con il suo sorriso migliore, il cielo azzurro intenso e il freddo insinuato come una mano fuori posto.
Due ore prima iniziavano le danze, io davanti al terzo caffè della giornata, gli altri alla terza pinta della giornata, il sole era allo zenit (per modo di dire perché Milano mi lasciava avvolta nella pioggia e molto mogia).
Dopo la tana scavata in camera e un po’ di sana televisione internazionale, aver combattuto con chi bussava per chiedere cachet e un cavatappi, in quest’ordine, ho preso l’ascensore e ritrovato facce note e meno nella hall, con occhiate nuove e usate per l’occasione.
Facce già provate dai troppi drink e facce da poisson bouilli.
Sorpresa! C’è una macchina ad attenderci. Si gira l’angolo e si scopre l’arcano.
Quindici metri di limousine, bianca.
Ma si può essere più kitsch di così?
Beh forse sì.
Champs elysées illuminati a festa, bonnes fêtes dovunque, mentre dentro il bar illuminato e i finestrini affumicati.
Pensavo a cosa avrei pensato fossi stata lì fuori. Mi sono concentrata sulle brioches.
Il locale non era da meno, con piramide illuminata centrale e palchetti vari con vista pista e tavoli con giovani zanzare in camicia bianca e braccialetto illuminato sul braccio (intermittente).
Ma chi l’ha detto che i francesi fanno il vino migliore?
Questa la frase più sensata udita, per fortuna detta a bassa voce e pronunciata, dalla mia sinistra, da labbra spugnose sopra occhi d’oliva.
Il buio pesto intorno a tutto.
La cena una sorta di pesca miracolosa, fra intuite lattughe, intuite aragoste e supposto riso in pappa esotica profumata.
Credo in questi casi guardare il piatto sarebbe stata la scelta migliore.
Ma data la futilità del gesto, restava far finta di guardare i commensali, tutti più o meno variamente partiti per incerti lidi, a parte i musulmani con bibitoni schiumosi imprecisati.
Tripudio di premi e cotillons. Non vinco mai. Estratta immediatamente.
Premio: tour in limò sino all’alba nella città delle luci.
Sorrido e alle quattro mi defilo mentre mi chiamano per l’award con facce da lupi mannari.
Cammino sui tacchi verso l’Arc de Triomphe nella speranza che tutto finisca e rido in silenzio, mentre sento ancora chiacchiere in tedesco e vedo cappelli di lana muoversi davanti a me.
Nel buio si vedono le luci.
Per questo mangiano al buio e accendono le stelle filanti sulle bottiglie di champagne!
Camminavo e me lo ripetevo, cercando qualcuno che mi smentisse.
In tutto questo ho letto un solo capitolo del libro, in compenso un paio di quotidiani, con Bush in kippah mentre un signore sulla navetta dell’aeroporto si affrettava a spiegarmi (non so perché visto che avevo commentato il titolo solo nella mia mente) che “Avremmo dovuto bombardare Auschwitz” era sensato.
Ho imparato che mangiano al buio e leggono nel pensiero.
Gli alieni esistono e sono fra noi.

(E.)

Published in: on gennaio 13, 2008 at 10:40 pm  Comments (12)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/01/13/loro-mangiano-al-buio/trackback/

RSS feed for comments on this post.

12 commentiLascia un commento

  1. Accetta l’ingaggio di un’altra squadra.
    Gioca con gli All Golds neozelandesi. Per esempio. La limo è aziendale.

  2. ma non potevi darti malata?

  3. l’invasione delgi ultracorpi o ai confini della realtà???

  4. poteva andare peggio.
    poteva piovere.

  5. …e mangiano formaggi puzzolenti.😉

  6. Puoi confermare che Parigi valga una Messa?

  7. ordunquissimo:
    Davide, prima di scegliere: sono carini almeno?
    NY, ero malata!
    Bitu, ultracorpi e anticorpi per quanto mi riguarda!
    Basker, certo al peggio non c’è mai fine.
    Michelina, gli intelligentoni hanno anche comprato formaggi per portarli via, peccato li abbiano fermati agli imbarchi (per oltraggio alla decenza) e fatto imbarcare i camemberts in stiva!
    rip, una messa, anche due, anche una messa in piega se è per questo.

    ma nessuno che abbia avuto curiosità sulla vita è una brioche, in rima baciata perfetta AABBCC?

  8. io sapevo solo:
    la vita e’ una brioche,
    una raputa ‘e cosce,
    una infilata ‘e pesce.
    e tutto firnisce.
    (sempre che si scriva così)

  9. quasi… così è AABC.
    ma il senso è quello.

  10. Non so perchè, ma mi ha sempre resa triste.

  11. quello della limo’ e tutto il resto mi e’ sembrato molto sex& the city. dopo domani io ci saro’ al charles de gaulle, dopo circa 11 ore di viaggio. che palle!
    come mai non avvicinano un po’ di piu’ i continenti??… almeno quando viaggio io, e anche quando lo fai tu emma, se fai un viaggio trasatlantico🙂

  12. ..avrei camminato anche io, magari con scarpe basse, verso l’Arco di Trionfo..e siuramente avrei canticchiato -come il mio caro Silvestri canta- “Parigi,Parigi a me va bene per non tornare più..”


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: