Nudi e di corsa

maddalena-ambrosio.jpg

Chi corre da solo, chi va in coppia, chi patteggia per ventimilionidieuro di rimborso all’erario, chi è arrestato nel mezzo della notte ed è affiliato al clan dell’asse palermo-new york, chi pubblica le liste delle figliolanze politiche dei dipendenti rai, chi può solo discutere sui decreti legge, chi ha finito i fondi per la campagna elettorale e raschia il fondo, chi si ritira in “mormonia” coi suoi miliardi che non sono serviti.
Il venerdì si apre così, col sole e varia umanità che si affaccia.
Il sorriso sulle labbra non mi manca. La serata di ieri è stata inusuale.
Ero al tavolo con i due uomini della mia vita. Tutti e due sorridenti, a loro agio.
Si coalizzavano nel prendermi in giro.
Siamo stati ad una mostra, zona porta nuova, di artisti vari, fotografie di distese di corpi nudi a riempire la natura (parchi, lembi di terra, foreste di conifere), un vecchio nudo col suo cane su un fiordo, una donna con la sua bimba che attraversa su un tronco un laghetto di montagna, specchiandosi in esso. Un uomo in canoa, che sembra uscire dalla fotografia, mentre attraversa uno specchio d’acqua argenteo.
Al centro della sala tre mezzi busti in silicone, tre calchi identici fedeli riproduzioni della loro autrice, in espressione meditativa, occhi chiusi sfigurati dall’assenza di sopracciglia, cranio nudo ed esposto alla luce, retro cranio con un piccolo monitor dentro al quale si muovono pensieri diversi, una bambola cibernetica che si spoglia e scopre di avere sempre altri vestiti da togliere, una donna che fa kick boxing e colpisce l’altra se stessa.
Il tuffo nel mondo degli artisti e dei galleristi è stato breve, senza schizzi.
Autoreferenziali, poco spiritosi, trendy.
E io che me li ricordavo caciaroni e vestiti di velluto a costine.
E’ venerdì e il mal di testa per la falanghina passerà.

(E.)

Annunci
Published in: on febbraio 8, 2008 at 9:50 am  Comments (21)  
Tags: ,