Punto

Lentamente mi accorgo che sto abolendo i punti
Li sto semplicemente ignorando, ci sono altri modi per far finire una frase
Le maiuscole le metto quando vengono in automatico
Abolisco i segni che troncano, che danno finitezza, chiusura, definizione, classificazione
Nel caso in cui il ritmo non bastasse lascio usare la fantasia
E vado a capo
Senza coda
Qualora il peggio sia vicino ad arrivare stringo le mani fra le gambe e le scaldo
E mi accorgo che è solo il tempo di ricominciare a guardare
Senza vertigine, dentro il vento, sopra i segni di interpunzione
Occhi e silenzio

(E.)

sotto la foto,  Indifference – Pearl Jam
Published in: on febbraio 13, 2008 at 8:10 am  Comments (11)  
Tags:

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/02/13/punto/trackback/

RSS feed for comments on this post.

11 commentiLascia un commento

  1. meglio un punto di una parentesi chiusa

  2. Sempre la circolarità, Emma, sempre più senza cesure e interruzioni al flusso di energia… molto bello🙂

  3. per ora scaldo le mani. ho freddo, buongiorno emma
    (io faccio una abuso di virgole)

  4. tintinnante per come fa risuonare Emma. in una conventicola strana le idee circolano, rimbalzano, evocano, promettono. Non ci conosciamo, eppure risuoniamo. Nel tuo post due elementi mi prendono: la punteggiatura sostituita dal ritmo, la sensazione del peggio che arriva. Sul primo sono affascinato e lo cullo come un’idea di essenza, sul secondo ho una consuetudine del dopo disastro: gesti semplici, ripetuti, la piccola cura del fare un caffè e guardare fuori dalla finestra, restando dentro. Se davvero la premonizione funzionasse sulla volontà sarei una persona fortunata e avrei le mani calde.
    Buona giornata Emma, splendido.

  5. Perchè maltrattare i punti? essi fanno respirare mica dividono.
    Ma ah da che pulpito! io sono una ciclotimica delle virgole. Certi periodi ne metto a mazzi, altri è lo zero assoluto.

  6. sempre le parole sgorgano come acqua pura di sorgente. la si può raccogliere in un bicchiere o in un secchio, si può tentare di afferrarla con le mani che si rinfrescano nel suo impetuoso fluire, ma non la si può fermare. punti, virgole e parentesi sono solo involucri, l’essenza e il suo ritmo stanno unicamente nella parola e nel silenzio che intrinsecamente racchiude in sè.

    (e il tuo è proprio un bel fluire)

  7. ediochescrivosenzaspazienonmivadifareilseriosmack

  8. esattamente il contrario di me che nmetto punti ovunque ormai….e poi la fai finita di ascoltare stessa musica
    nello stesso momento???😉

  9. Non ho capito quale sia il punto🙂
    (“Il punto è” è una locuzione di cui parla con ammirazione un personaggio di Hornby, ma non ricordo più in quale romanzo)

  10. mah faccio fatica a eliminare i punti, rendono incisiva la frase, ma ognuno può incidere come crede, le parole possono lasciare solchi profondi, io a volte uso anche una spina velenosa che ho sulla pinna dorsale, non tanto spesso però, con quel che costa il veleno…

  11. A questi punti,puntuale,fai il punto su i tuoi punti,appunto.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: