Dei racconti crudeli e della primavera immaginata

la foto è mia, il luogo è il negozio di un’amica a roma

Stavolta si è smosso il creato, visto che aerei e orari non potevano essere coinvolti.
Tutta l’acqua che si poteva immaginare e anche oltre. L’Aniene straripato, visto coi miei occhi, cieli gonfi di nero e grandine, scarpe zuppe e goccioloni.
Roma mi ha accolta col suo vestito della festa, bagnato fradicio e tanto bisogno di mostrarmi la sua riconoscenza per essere passata ad omaggiarla.
Odore di caldarroste per le strade, che è marzo e sembra ottobre.
Cerate e turisti, fontane piene d’acqua senza zampilli, vento a scuotere il bavero della giacca e a portarsi via alberi per la strada.
A pensarci pareva il diluvio universale e l’arca che mi aspettavo di veder spuntare non spuntava mai, come mai un raggio di sole veniva a bussare alla finestra al mattino.
Solo un cielo livido e un vento come branchi di lupi infilati fra le finestre e le tettoie.
Ho rimediato un magnifico colpo della strega che ha provato ad acciaccarmi e ha tentato di farmi perdere le meravigliose camminate sotto la pioggia con gli stivali zuppi, ma non c’è riuscito.
Ho rimediato anche un portasapone nuovo, imperdibile, e l’ennesima ricerca vana del solito libro che ho perso da anni e che da anni cerco di ricomprare, senza successo: Racconti crudeli, Autori Vari (racconti di autori israeliani), editore stampa alternativa (credo).
Se lo trovate fatemi sapere che invio uno di quei lupi sfaccendati intenti a ululare sotto la finestra della mia camera da letto, in casa di mia madre, a comprarlo e a condurmelo per direttissima qui, adesso, in una Milano asciutta e ventosa, col cielo più limpido che ricordassi.
Nessuna coda da rientro in compenso. La schiena rotta sì, ma solo poche auto nell’orario scelto per il rientro. Tanta pioggia in compenso, gli Appennini imbiancati, la grandine e la campagna infreddolita, illusa da una primavera che non vuole arrivare e sorpresa però sul più bello, quando ha già messo fuori i suoi colori più belli, i suoi peschi in fiore, i suoi prati vermigli e i suoi papaveri solitari, che nonostante il grigio del cielo non possono non mostrarsi e non far spallucce, in attesa di un tempo più clemente.
Secchiate d’acqua e un cerotto sulla schiena.
La prossima volta che vi dico che vado a Roma, chiedetemi di consultare prima Caroselli.
(E.)

Published in: on marzo 24, 2008 at 9:27 pm  Comments (27)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/03/24/dei-racconti-crudeli-e-della-primavera-immaginata/trackback/

RSS feed for comments on this post.

27 commentiLascia un commento

  1. emma, coraggio è tutto finito, fai una bella doccia calda e riposati.🙂

  2. bentornata🙂
    pioggia o non pioggia avrei dato chi sa cosa per poter tornare a Roma una manciata di giorni… magari mi sarei beccata una bronco, però!

    Per la schiena non posso fare molto, ma per il libro… La mia copia è ancora nella casa di Roma, in compenso qui lo danno disponibile:

    http://www.stampalternativa.it/libri.php?id=624-6

  3. arriverà.
    emma arriverà la primavera, e la prossima volta che vieni a roma, chiedilo a me, c’ho il meteo di fiducia ..che non sbaglia mai.
    bentornata a casa tua.
    io tornata a Roma
    non piove.adesso.

  4. bienvenida emma!
    lo stesso sei stata a casa : )
    non ho rimedi per la tua schiena, il mio socio l’ha sofferto settimana scorsa e non ho saputo fare niente per lui jejeje… chissa’ quando diventero’ vecchia e magica avro’ tutti i rimedi.
    impressionante il cielo di milano ieri, l’ho visto anch’io. se da qualche parte mi fosse spuntato un cactus, avrei giurato di non essere qui.

  5. Ciao Emma!
    Te lo dico o non te lo dico?
    Vabbè te lo dico: ora c’è il sole…
    Ieri mattina per disperazione sono andato lo stesso a correre sotto la grandine, poi tutto il giorno fuori in giro a prendere l’acqua, vaffffff, non poteva vincere! (se non mi prende un colpo è un miracolo, sai, l’età…)🙂

  6. Buongiorno Emma….infreddolita quindi?

  7. Le vacanze fanno male.

  8. capisco..ormai chiamatemi NOE’!!!!

  9. povera emma, dai, ancora un piccolo sforzo e la primavera arriverà davvero! Ben rientrata!

  10. Buongiorno, sì rip, in effetti fanno male.
    Pensare che ho ferie arretrate e che nel mese di aprile ne ho prese un po’.
    Inizio a preoccuparmi, quindi.
    Qui la primavera c’è già, lois, un po’ freddino, ma la luce e la limpidezza del cielo sono davvero unici.
    Grazie brix, sono circa quattro anni che cerco quel libro, chissà se lo trovo. Ti farò sapere.
    Offender, bentornato, infreddolita è poco direi.
    medituzzo, supponevo che ci sarebbe stato il sole…
    diana, sono tornata, sì, ma a saperlo ci sarei rimasta.
    gians, la doccia l’ho fatta ieri sera, infatti, ma dormito poco e niente, purtroppo.
    (sono in ufficio, la solita stakanovista, appena possibile mollo però)
    ringrazio Noè e Nic, per l’incoraggiamento.

  11. il titolo è meraviglioso e la foto lo racconta molto bene…
    bentornata emma

    p.s. ma dov’è questo negozio che pare davvero delizioso?

  12. emma se ti può consolare ho preso belle secchiate d’acqua anch’io a Napoli e pensa che qui continua…

  13. Che dire Emma (!)… mi sento in distonia… metereologica!!! ho passato un weekend pasquale in clima pre-estivo…!!!! Sole Californiano.. e temperatura gradevole ben sopra i 20 gradi..!! Ho festeggiato con un trail di 20 Km (corsa in montagna) sui promontori che sovrastano Sausalito… con la baia ad oriente (con le sue isole Angel ed Alcatraz) e l’oceano aperto, con le sue vertiginose insenature, ad occidente..!! panorami davvero mozzafiato..!! Pranzo di pasqua.. il classico “Sourdough bread bowl Clams Chowder” di San Francisco..!
    http://www.boudinbakery.com/index.cfm?fuseaction=order&product_group_id=75&product_id=333

  14. ciao emma a cosa serve metterci la è se poi non
    indovini il tempo che farà! ti abbraccio

  15. Ciao EmmA, bentornata..presto starai meglio.

    >Alex: splendido trail!

  16. Bentornata sì!Pioveva e anche tanto, tanto freddo e tanta pioggia e -nel pomeriggio di pasqua- pure una mezza tromba d’aria che ha sradicato alberi e fatto caos..Roma in acqua,Roma annegata..solo ieri un bel sole caldo e io me ne tornavo a milano..è sempre così!:)

  17. huff…pe’ du’ gocce…..la prossima volta consulta me…il mare sferzato dal maestrale e dalla pioggia era stupendo!!!

  18. In primis bella la foto e immagino l’intero negozio.
    Vedi se incontravi la streghina….c’ha il marito libraio, c’ha!…eh!😉

  19. reduce da visite specialistiche.
    rispondo che non sto benissimo ma mi riprenderò, prometto.
    il negozio è un fiorista in via postumia, le proprietarie sono due amiche.
    (saluto ale lontano, che fra un mese tornerà da queste parti, bacio tutti voi ringraziandovi)

  20. auguri, in bocca alla lupa di roma :-))

  21. emma a prestissimo. :))

  22. fai ste foto?!azz hai capito

  23. Roma non è un paese per giovani!😉

  24. PUOI COMPRARE QUEL LIBRO QUI:
    http://www.unilibro.it/find_buy/Scheda/libreria/autore-non_specificato/sku-951534/racconti_crudeli_dei_piu_grandi_narratori_israeliani_.htm
    VABBE’ NON CREA IL LINK COMUNQUE PUOI ANDARE SUL SITO
    http://WWW.UNILIBRO.IT E CERCARLO OVVIAMENTE NELLA SEZIONE LIBRI
    CIAO

  25. AH SI CHIAMA “RACCONTI CRUDELI DEI PIU’ GRANDI NARRATORI ISRAELIANI”, EDITORE NUOVI EQUILIBRI, CURATORE E. LOEWENTHAL

  26. grazie mille, sara, davvero!

  27. PREGO


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: