Silenzio, si parte.

I giri vorticosi che ho fatto compiere alla mia mente e soprattutto a quella di voi lettori in questi ultimi giorni, a proposito di caso e di parola, di saltimbanchi, trapezisti e di poeti, di filosofi e di predicatori, in realtà nascondevano le analisi che ho fatto sulle scelte di propaganda elettorale di questi lunghi 2 mesi.
Il caso non può essere incolpato, poiché esso se ne infischia di ciò che vogliamo, desideriamo o delle nostre azioni mirate. Ma la parola nemmeno direi, poiché è stata scippata della sua valenza più alta per essere asservita ad una caterva di menzogne, di esagerazioni, di offese.
Certi gesti hanno parlato di più, forse. I pomodori e le uova. Le bavette scorte ai bordi delle labbra degli urlatori. I mafiosi innalzati ad eroi nazionali. Gli attori hollywoodiani bevitori di caffè col giubbotto di pelle. I diplomi di laurea e le iscrizioni alla P2. I voti utili e quelli che sono stati detti buttati. Italiani ed italiane urlati ai quattro venti. Gli esponenti dello schieramento avverso e i grulli coi capelli freschi di tinta.
Parole usate a sproposito. Inutili, come inutili sono stati i cartelloni coi faccioni, soldi buttati perché nessuno può votare per questo o quel faccione, basta una X.
Una parola morta. Dica trentatré.
Alla mezzanotte scatta il silenzio. Era ora.
Domenica, dopo aver votato PD con dubbi e pleonasmi, mi concederò una settimana di ferie, di stacco.
Le vostre parole scritte, quelle non sono inutili!, saranno ben accette, mi daranno il bentornata quando rimetterò piede a Milano.
Stavolta porterò un guardaroba adatto a qualunque intemperie, prometto, oltre alla solita macchina fotografica, un quaderno (sono disabituata a scrivere i pensieri su carta e debbo riprendere quest’abitudine) e un paio di libri.
A presto.
(E.)

Published in: on aprile 11, 2008 at 11:25 pm  Comments (23)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/04/11/silenzio-si-parte/trackback/

RSS feed for comments on this post.

23 commentiLascia un commento

  1. Emmuzza, (come spesso) siamo in consonanza di post🙂 (cfr.). Ti auguro buon riposo, buoni appunti e buona lettura, attendendoti e sapendo che se passerai da queste latitudini un caffè romano on ti si negherà mai🙂

  2. Finalmente, le voci chiassose tacciono: almeno fino a Lunedì pomeriggio, poi riprenderanno il loro bailamme post elettorale.
    Penso che il mio voto sarà in – utile, nel senso datogli dai due maggiori contendenti.
    A te un meritato riposo pieno di cose belle che spero poi ci racconterai.
    Patrizia.

  3. Tu conosci ormai l’importanza che attribuisco alle parole, nel senso antico che il vaniloquio definisce l’uomo. Adesso è ora di andare e di pensare a ciò che vogliamo e a ciò che ci attende. Per storia ed età potrei sorridere e guardare il circo delle pulci, ma non è così, perchè non mi potrò impedire di pensare, non potrò attribuire ad altri la mia scelta e non mi potrò lamentare. Dire che mi sono sbagliato, questo sì, e avere la considerazione di me che mi attribuisco. Voto PD e all’interno di questo partito lotterò, come ho fatto a suo tempo per procrastinarne la sua nascita, cosciente delle mie valutazioni sbagliate, ma anche dell’intangibilità dei principi su cui una vita si regge e che mi rendono diverso assieme ad altri. Non facciamo politica per essere storpi, non viviamo in una società per essere scontenti senza speranza. Voglio un campo da gioco, una palla e un arbitro autorevole e giusto,poi darò il meglio, ma giocherò. Da altre parti non ho nè campo nè regole: è per questo che non mi turo il naso per votare, ma scelgo. Scelgo quello che voglio fare.

  4. Buon viaggio, fuori e dentro di te.

    Un bacio
    C.

  5. votiamo, certo.
    non sono scontenta, ma sono rassegnata, so che non ce la faremo noi che crediamo che non debbano essere candidati per esempio condannati in primo grado o politici riciclati. so che non ce la farà chi crede che si possa ancora fare politica senza sporcarsi le mani. le hanno sporche tutti, chi più chi meno.
    ma con questa rabbia nel cuore, con questa impotenza di fronte a chi muore di fame perché non ce la fa a procurarsi il riso, con l’idea che i giovani di oggi siano disamorati per la politica e per i temi sociali, con la delusione di fronte ai precari che continueranno a cercare di sbarcare il lunario e verranno strozzati purtroppo dalla realtà dei loro posti di lavoro evanescenti… con tutti questi sentimenti andrò a votare. e voterò Pd.

    P.s. saluto medita, patrizia, willy e la cara cecilia, ma anche tutti gli altri, i silenziosi e non.

  6. emma cara, che dire, è stata una faticaccia sorbirci tutto questo. E’ stato da parte di tutti un gioco al rialzo, dove ognuno si sentiva in dovere di spararla più grossa dell’avversario. A questo punto meritiamo tutti una vacanza, hai posto in valigia?🙂

    Notte.

  7. Forse passo per la prima volta qua, comunque sono passata senza lasciare segni tangibili, ma leggo spesso i tuoi commenti su blog che frequentiamo entrambe.
    Anche io voterò Pd con un sentimento che penso sia simile al tuo.
    Buon viaggio

  8. mi ha fatto impressione la foto che hai messo. hai un’occhio per le foto shock tremendo emmita.
    allora sei a roma… disfruta!
    (anche a casa mia si vota Pd, ci sentiamo un po’ tra le catene con una sola mano libera)

  9. Ciao piccola!
    Hai scelto un posto tremendo per le tue “vacanze”, forse quello che si sentirà maggiormante rivoluzionato. ma io ti vedo a camminare tra la folla con aria svagata, e senza nessun audio.

  10. Io non voterò un faccione, voterò le parole di Walter… E ti auguro una serena settimana di vacanza…

  11. bon voyage

  12. ti scrivo senza conoscere il nuovo governo o temendo di conoscerlo già…sono preoccupata.
    ma tu non esserlo.
    bentornata

  13. oggi l ultima volta che ho visto la carta ho dovuto farci una misera croce – mi sa che domani la riprendo anch io per cancellarne l ultimo insano ricordo – mi sento analphabeta

  14. Buona Roma Emmilla oggi che ti scrivo c’è un bel sole!!!!

    Anche io uolter. alla fine tristilla ma votabbi.

  15. complimenti!!! te ne vai senza avvisarmi!!!

  16. portati via, Emma, chiusa nella valigia.
    poi salta fuori e sorridi.
    ti aspetto.

  17. che sia un bentornata, dunque, anche se in questo momento sei in viaggio.
    Sarai a Roma? Oggi ti accoglie il sole.
    Vedrai che male alla mano, nel riscrivere su quadreni le parole di carta.
    Fai tante foto e poi condividile con noi, che sono sempre belle.

  18. buono stacco,buon momento di relax, buon riposo..
    scrivi,ascolta,canta e parla..al resto si penserà al ritorno!

  19. Siamo tutti in viaggio nel mondo dei rinchiusi dentro scatole vuote…….orfani.
    Salvatore

  20. Buon viaggio e soprattutto buon riposo!

  21. zac zac zac in tre salti sono fuori dal locale,
    e tu dalla valigia, che bello essere innocenti!

  22. ottimo tempo per viaggiare. No, non quello metereologico.

  23. Sicura di voler tornare?


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: