Tubi

una mia foto di attesa

Non amo attendere, per questo ripeto in modo ossessivo che bisogna saper attendere, vorrei saperlo fare, ma non mi riesce, vorrei trovare la soluzione, arrivare al punto, vorrei che chi aspetto arrivasse subito, vorrei che il bello venisse prima di dire che adesso arriva.
L’arrivare, però, vorrei che fosse lento. Snodato e cauto, come un gatto che si stiracchia quando si solleva dal suo giaciglio e inarca la schiena e le zampe sono dritte, tese.
Ecco quello, quell’arrivare fatto di assaporare. Non ingordo.
Quell’ossigeno vitale che non si spreca ma va ad irrorare le singole cellule senza fretta.
E invece quando arriva c’è sempre fretta si debba, si possa, si abbia a fare.
In un dovere cosmico, perché così ci si sente ripagati.
E invece si spreca tutto in quell’attimo.
Ed è un rincorrersi di attimi a costruire un percorso, in un misto di apnee e di boccate d’aria.
Tanto vale sedersi e ricordare che dopo essersi chinati ed essersi fatti piccoli per passare dalla cruna dell’ago, si finisce cuciti. E fermi.
(E.)

Published in: on maggio 27, 2008 at 8:19 am  Comments (20)  

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/05/27/tubi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

20 commentiLascia un commento

  1. la mia esistenza si srotola e si consuma nelle attese… attese di ogni genere. il mio divertimento più grande sta proprio nell’immaginare, nel costruire, nel disegnare e nel colorare…
    poi l’attesa si conclude con una curva che è al suo apice e di colpo, in un solo istante, prende a scendere… implacabile.
    e lì, non posso far altro che prepararmi a nuove attese…

  2. odio le attese, da quellain sala dal medico, passando per quella alle poste, fino all’attesa di tempi migliori.
    son convinta che la ruota giri, e che prima o poi girerà, ma hio spesso l’impressione che lo faccia al contrario, come nelle pubblicità delle automobili.
    ieri cmq ho cucito..mi si erano rotti i jeans, che non c’entra, ma l’ago e il filo, son fondamentali, quando non ce li hai.
    buongiorno
    (commento sconnesso..sorry)

  3. non è bello aspettare ma a volte l’aspettativa crea emozione..

  4. cucito e fermo ecco quello che sono, mi scuso anche qui da te sono molto distratto te ne renderai conto dalle mie risposte, con affetto

  5. ma egio, si scherza sai? ti abbraccio forte e mi cucio anch’io per solidarietà.😉
    pigra, ma perchè ci si deve preparare?
    lois, con l’ago e filo ci so fare, e per cucire i jeans ci vuole anche il ditale.
    night, è quello che ho detto, solo che poi si spreca tutto ingollandosi.

  6. Non sò da dove provenga.. ma ho in me la pazienza e la calma.. un pò Zen.. del saper aspettare! non mi logora.. e spesso infine mi ripaga..!!

  7. Penelope non mi è mai piaciuta, l’attesa è un non tempo, una sospensione del vivere. Non ho l’ansia del movimento, so solo che la vita senza movimento degrada. Sono uno che arriva in ritardo, anche nel comprendere, se devo aspettare, faccio altro, mi ritiro nella mia dimensione. Come un atleta in riscaldamento. E’ la sensazione che mi dai Emma, quella di una persona che si prepara alla prova e finchè non ha ben chiaro l’obbiettivo, sospende, ma i muscoli sono pronti, è solo il pensiero che si deve comprimere per farsi freccia.
    Magari sbaglio tutto, riparo con un abbraccio e un sorriso.

  8. è il gusto che aspettiamo, l’acquolina in bocca che ci sazia, l’alba bella di ogni giorno, il profumo del vino. sono le cose che ci immaginiamo. spesso meglio di quello che sono davvero.
    è il sabato del villaggio cha passa sempre troppo in fretta.

  9. Non ricordo chi disse che “sono le aspettative a rovinarci i momenti felici” e credo che in parte sia vero. Cosí come -personalmente e aolo in certi ambiti- ritengo l’attesa un periodo essenziale di ció che potrá arrivare…ed in quel tempo allenarsi a frenare non tanto l’ingordigia, quanto l’aviditá.

  10. La nipotina Esperimento potrebbe raccontarti cos’è per gli ebrei Giobbe (il santo seduto seguendo il titolo di un gran libro della Limentani), Giobbe o della paziente attesa è un insopportabile cretino
    c’è però saturno(qui è agesilaus santander di WB) ch’è l’ astro dell’ attesa della diversione lenta ecc saturno aspetta “l’ attimo buono”: non confonderlo con giobbe!

    (OT non ho il cancro del fumatore almeno stavolta LOL grazie per gli auguri)

  11. A volte penso che l’unica attesa che ci si riesce a godere pienamente sia la gravidanza… E anche l’arrivo, in questo caso, porta scompiglio e i segni del cambiamento non si esauriscono semplicemente nell’andarsene dell’aspettativa… Per tutto il resto condivido l’inquietudine e l’aspettare sempre ciò che c’è nel “poi…”. Purtroppo, mi viene spontaneo dire. Ciao Emma!

  12. ho problemi con l’attesa, da sempre. Per me l’attesa è separazione…ci sto lavorando (per la verità ci lavora di più la mia psicoterapeuta.
    Buona serata

  13. l’attesa è un presente figurato.
    pre figurato
    è un film.

  14. “e tutto subito voglio avere – e tutto subito mi devi dare” (cit.) – la mia generazione era quella del tutto subito, poi sono cresciuto ed era diventato just in time, ma a me piace la sensazione dell’attesa, soprattutto da qualche tempo, quando la mia evoluzione personale mi porta ad apprezzare le anse del fiume che scorre, talvolta lento, talvolta rapido, talvolta vedendo sulle rive cose che mi piacciono, talvolta fermarmi a riva e veder passare qualcosa che mi piace..

  15. Donc, questa sera arrivo con la voglia di rispondere subito al medituzzo.
    L’attesa, caro medita, può essere anche quella di chi frattempo si gode il panorama, ma non parlo di quella come del resto suggerisce anche il coon.. (capito di quale attesa parlo?).
    E’ come se parlassimo del momento in cui inizia la vacanza, ti rispondo che inizia anche dalla fila al check-in, certo!
    Parlo di attese senza scampo, quelle in cui sei costretto, non quando ti trovi contento e beato con le cuffie nelle orecchie e un panorama fantasmagorico davanti, ma quando sei sequestrato da questa attesa.
    E l’essere poetici in questi casi mi viene poco, ecco.
    Su giona so, coon, e ti ringrazio davvero per aver ricordato il mito.
    Francesca, lavorarci è un lavoro però, dovremmo smettere di lavorare ogni tanto, no?😉
    Ferrista, la storia del film non mi convince, magari, e va a braccetto con la poesia di cui sopra.
    La mia è idiosincrasia all’attesa, ma dall’esterno sembro impassibile, sarà che ho aspettato il mio ex per anni, non so, certo sto stemperando attese ben più difficili forse, chè ne ho avute.
    Stefi, grazie della visita davvero.
    Ecco, Ste, hai centrato la sottotraccia: le aspettative, ommamma come mi stroncano quelle! (quelli sono i film, ma nel modo gergale del termine)
    Bask, esatto, il sabato del villaggio, quell’idea.
    Pensa che nonostante la pippa sull’attesa, quando arriva il “sabato” mi smonto perchè vorrei non finisse, come quando eravamo piccoli e aspettavamo le giostre o il giorno della grande festa e poi la giornata ci deludeva enormemente, il contorno era stato così grande e così importante che chissà cosa ci aspettavamo!
    Willy, ci sei quasi, sono una che si prepara, ma parte in quarta ecco, non assomiglio affatto a Penelope come immagini, sono una donna d’azione, affronto di petto e spesso soccombo. Mi rialzo e ricomincio, coi cerotti.
    Ale, di te so bene, che nonostante la tua calma zen sei un puntuale delizioso e aspettarti è impossibile.
    Ma nemmeno un po’ di fastidio, sicuro?

  16. ‘Essere sequestrati in questa attesa’.Quanto mi parla quest’immagine

  17. la tua attesa è finita! sono arrivato pure oggi, ciao emma.🙂

  18. a chi lo dici emma.
    Per me attendere equivale ad uno strazio

  19. tubo. e prima o poi giungo. ho imparato ad aspettare. a rinviare. ad aspettare il momento. che poi ci si ingozza. è vero. come la mozzarella di una vecchia pubblicità. mastico piano. non ho più molta fretta. forse è il mio quarto nasuto, Sefer Yetzirà, il mio prozio Giobbe.

  20. il viaggio -alla volta di- è sempre migliore dell’arrivo: è l’attesa a fare la differenza:
    amo sentir crescere l’attesa, è come sentir crescere la vita.
    Ovviamente mi riferisco a piacevoli attese, al resto preferisco oggi preferisco non pensare.
    Un abbraccio, Emmuzza


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: