Volvi – I’m back

la foto è di subcomandanta – in cochabamba, bolivia 

Torno alla paura.
Ne ho parlato tempo fa nel modo primordiale e forse infantile, prendendo in prestito Primo Levi e i distacchi, le lontananze.
Stamattina penso alla paura sociale, a quel distacco dal resto del mondo che può dare la paura di essere braccato, privato della libertà, dei propri sogni, del proprio diritto sacrosanto di stare al mondo. Della paura che la propria identità venga violata.
Quanti che hanno queste paure ci scorrono al lato e li lasciamo scorrere aspettando che colino giù nel tubo?
Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria | Col suo marchio speciale di speciale disperazione | Chi tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi | Per consegnare alla morte una goccia di splendore | di umanità, di verità. (De Andrè)
(E.)

Annunci
Published in: on giugno 5, 2008 at 10:32 am  Comments (10)  
Tags: , ,