Giallo lampione

una mia foto scattata a Caravaggio

Infinite gocce sul finestrino, mentre il film del mondo si srotola davanti agli occhi in una notte come altre, di ritorno a casa.
La radio canta una canzone che non conosco, taccio, ascolto le note e guardo fuori.
Intorno ad un tavolo tante anime strane fino a qualche minuto fa. Tanto contorcersi nell’esistenza in modo differente.
E il buio e il giallo dei lampioni è sempre lo stesso, riflesso nelle pozzanghere. Il colore indistinto, imbevuto come filtro di thè.
Tutto questo affannarsi a vuoto. Tutto questo riempire lo spazio entro una scatola.
Tutto questo correre afferrandosi distratti.
Mentre tutto scorre e pare non arrivare. E pare non essere.
(E.)

Annunci
Published in: on giugno 17, 2008 at 9:28 am  Comments (15)