Conflitto di interessi

Con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così…

Agli elettori tifosi del Milan che durante la campagna elettorale mi chiedevano Ronaldinho al Milan rispondo, ecco, ho mantenuto la promessa, spero che questo porti più tifosi al Milan e alla Libertà.
Liberté, Egalité, Fraternité, direi più che altro.
Stamattina, dopo la giornata di ieri stretta in una morsa, come se rientrassi dalle ferie e non da un giorno, appena uno, di mancata presenza in ufficio, per lavoro per giunta, mi sono concessa una breve rassegna stampa e a parte il meteo che pare essere l’unica notizia seguita con serietà, a parte il disastro in borsa, che peraltro mi ha costretta ieri sera a spiegare con parole comprensibili cosa sta accadendo ad un bambino di dieci anni e la risposta, dopo tanti sforzi, che il superministro pare davvero un incapace, è stata: ma perchè non cambiamo tutti moneta?
Dopo tutto questo sono approdata ad una notizia che mi ha fatta riflettere molto, con un tocco di spionaggio, uno di sindacati e uno di legalità.
Una perquisizione è stata condotta martedì presso la sede parigina della rivista “Auto Plus” e un giornalista è stato posto sotto sorveglianza nel quadro di una inchiesta sulla Renault.
Un salariato della Renault è stato accusato di essere un informatore della rivista e posto sotto il controllo della autorità giudiziaria.
Nemmeno a dirsi, l’esplosione del sindacato dei lavoratori è stata deflagrante: non si può porre sotto accusa un lavoratore, non si possono ricercare le origini di una informazione in siffatti modi se non per motivi di assoluta preponderanza di interesse pubblico.
E gli interessi commerciali della Renault non paiono così pubblici, soprattutto rapportati al ben più importante diritto ad informare ed essere informati.
Bella risposta, parrebbe. Lo stesso giornalista si è detto sorpreso quando sono stati rinvenuti sul suo computer documenti, immagini, modelli ed ha gridato al complotto.
Eppure l’estate scorsa le pubblicazioni dei nuovissimi modelli Renault in largo anticipo rispetto al battage pubblicitario e al mercato degli avvoltoi solito ha destato una certa sorpresa, per non dire disappunto nei palazzi dei grandi manager, sputtanati prima del tempo.
I capi d’accusa del giornalista linciato sono quindi abuso, di contraffazione, di accesso e utilizzo fraudolento di informazioni tratte da sistema informatico protetto.
Ovviamente arrivare alla perquisizione di un organo di stampa, pare davvero una misura eclatante, essendo dovunque la libertà di stampa sancita da tomi e tomi di principi giuridici, francesi e non, ma il tutto avviene anche nel quadro di una revisione legislativa francese di allargare il diritto di stampa anche proteggendo le fonti di informazione (come se si parlasse di misura di protezione testimoni). Fotografia di un mondo in cui la stampa è posseduta, utilizzata, contraltare di una verità nascosta, travisata, sconvolta, rivisitata, edulcorata, manipolata. Una stampa che ha il potere, di ammannire, ammansire, persuadere, irritare, esaltare, esasperare l’opinione pubblica.
E in un mercoledì in cui i salari restano sempre gli stessi, in cui George Bush sta per lasciare la moglie, ce ne faremo una ragione, in cui c’è dell’ottimo calciomercato per farci stare buoni e zitti, la stampa ci sembra davvero il male minore e le sere così ci sembrano meno lunghe e i nostri letti sfrigolano meno sotto i nostri corpi sudati. La vita pare ben altra cosa da quella che ci raccontano, eppure ci lasciamo credere di esserne convinti e che in fondo un po’ di sano gossip possa proteggerci da una verità che sarebbe meglio non sapere.
(E.)

Published in: on luglio 16, 2008 at 10:34 am  Comments (14)  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/07/16/conflitto-di-interessi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

14 commentiLascia un commento

  1. e mentre i salari restano sempre gli stessi e l’inflazione galoppa si pagano milioni di euro di ingaggio perchè dia calci ad una palla…questo lo trovo un insulto a tutti gli onesti lavoratori…prendiamo i soldi del monopoli?

  2. c’è interesse nel conflitto. questo bush ce lo lascia in eredità. e sua moglie deve averlo imparato.
    olè.

  3. concordo con te, fanculo alla propaganda…

  4. già il fatto che uno debba decidere per chi votare in base ad una preferenza calcistica, la dice lunga sul come stiamo inguaiati.
    Il fatto poi che si parli di Milan, aggrava pure lo scenario

  5. scritto tutto d’un fiato… è un fatto… un quasi fatto… letti sfatti a Strà!
    p.s. par ci sia un luogo da qualche parte che si chiama Strà… ci sei mai… strata?

  6. A parte che Berlusconi in questi giorni ne sta sparando così tante che non riesco a stargli dietro neppure io, la stampa in Francia è messa meglio che da noi, ma nemmeno tanto – vista la fine che fanno certi direttori che pubblicano certe foto di certe ex mogli di certi presidenti.

  7. il nano sbotta con tremonti, e bush, su un famoso tabloid americano viene scaricato dalla moglie, mi sembrano ottime notizie! ma poi chi usa internet ha la possibilità di capirci di più.🙂

  8. si ha notizia di tutto e non se ne sa più niente

  9. buongiorno, stamattina sono più stanca di quando sono andata a dormire.
    volevo dirti, gians, che purtroppo non è così. ogni cosa dipende dal discernimento e mi fa piacere tu nutra stima profonda nei confronti del prossimo in modo indiscriminato, ma dubito della voglia di voler sapere è proprio questo che dico alla fine.
    e il ferrista lo ha letto, ecco.
    Darioskji, di questi tempi non so nemmeno come mi chiamo ma so che a Strà non ci sono mai stata pur sapendo dove vagamente si trovi, ma stràno lo sei, eccome!😉
    rip, se non ci riesci tu a stargli dietro inizio a temere ce la si possa fare.
    ebbravo medituzzo!
    bask già siamo all’eredità, sei già andato oltre gennaio? beh io sono ferma a luglio e per esempio adesso vorrei dormire…
    NY, sicuro che non hai dieci anni?

  10. Denunciare il conflitto di interessi di Berlusconi che paralizza l’Italia da un punto di vista squisitamente liberale:
    http://ale1980italy.wordpress.com/2008/07/04/denunciare-liberale/

  11. Alessio, interessante la tua raccolta di spunti. Il mio modo di raccontare la situazione è quella del far vedere, di aprire la finestra o dire almeno come si apre.
    Ma sto riprecipitando nella spiegazione dei post e mi fermo subito.
    Grazie, ripassa quando vuoi.

  12. infatti, immaginavo le…parole di tuo figlio

  13. Spesso per il timore di non essere à la page, smettiamo di coniugare sana indignazione e freddo ragionamento: il che prima conduceva alla denuncia di qualcosa che chiamavamo col suo nome cioè “capitalismo.” Il tuo post è invece una bella foto di una realtà… desolante.
    Silvius I è un mix di autocompiacimento e finta bonomia che purtroppo, a molti piace; ma allora, che bisogno abbiamo di film horror?
    La stampa… c’è un articolo di Gramsci del 1916 (“Coincidenze e conseguenze”, in “Sotto la Mole”) che sembra scritto ora. Oggi come allora, stampa e nuovi media continuano a scodinzolare dietro i padroni del vapore. Ohi ohi…

  14. ti ringrazio riccardo per il tuo spunto e per la tua gentilezza.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: