Sogno di una notte di mezza estate

ritratto di lunia – olio su tela – 1919 – modigliani

Dalla mia “camera safari”, con la zanzariera attorcigliata sulla ventola appesa al soffitto, il copriletto con colori africani e tanto legno e crema e aria fresca da sembrare una coppa gelato in una ciotola chic, posso osservare, attraverso lo specchio, alle mie spalle una tela che mi somiglia.
Esiste un negozio, o esisteva, in via del Governo Vecchio a Roma, dove potevi comprare con pochi soldi un bel quadro, una tela stampata coi colori originali del quadro che ti piaceva.
Ricevetti Lunia in regalo, da chi sapeva quanto l’amassi. Mi ha accompagnata in ogni casa che ho abitato da allora.
Lunia rappresenta il sogno, il collo del suo pittore, che pare abbia disegnato anche il mio, il discreto e il misterioso, gli occhi distanti e inafferrabili.
C’è una donna, una fra le più importanti della sua vita, pur non essendo un’amante.
Lunia Czechowska era un’amica molto delicata, non un’amante, si prese cura di lui e anche della sua bambina. Ci sono tanti quadri che la ritraggono, alcuni più allegri di questo, in cui lei appare col ventaglio, con colori sgargianti, di profilo, deliziosa, ma sempre eterea. Trascorrevano il tempo libero facendo lunghe passeggiate ai Jardin du Luxemburg e in giro per musei, le sue doti intellettuali la rendevano una gradevole interlocutrice, perfetta nel suo bel viso diafano sul lungo collo di cigno. L’ideale soggetto da scoprire, perchè questa bellezza non sgargiante rimane imprigionata poi nella sua intima e profonda tristezza, che i suoi occhi portano e dispensano.
Non fu mai un amore. Ma fu complicità, comprensione, affetto intimo, appartenenza.
E, frugando fra le lenzuola delle nostre vite, spesso queste cose mancano.
Ce le riprendiamo nelle speranze, nei sogni estivi dei nostri soffitti.
(E.)

Published in: on luglio 25, 2008 at 12:01 pm  Comments (13)  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/07/25/sogno-di-una-notte-di-mezza-estate/trackback/

RSS feed for comments on this post.

13 commentiLascia un commento

  1. sono il primo…che posso dire allora? oddio ho paura! spiritoso o serio??
    hmmmmm….una battuta non posso trattenerla:
    già allora arrivavano di polonia o di russia come badanti? ora partecipano per le veline
    seriamente invece ottima scelta la tua, quando parli di cose normali riesco a capirti!
    ciao trasgressiva!!! buon fine sett😉

  2. hey ma son partiti tutti???
    ok…raddoppio i commenti, è veramente bello sto quadro! peccato che sta a San Paolo do Brazil…

  3. ma te dici che hai capito il post, secondo me non l’hai capito😉
    (in ogni caso i commenti non sono obbligatori, anzi)

  4. fu un amore..perchè fu complicità, comprensione, affetto intimo, appartenenza.
    amante in fondo è anche solo il participio presente di colui che ama.

  5. ecco, amante è la classica parola che crea..
    (sintonizzo col tuo post)

  6. che dire emma, questo ritratto è sublime.
    Tra l’ altro non ne conoscevo la storia

  7. eccome se mancano…”un’amica molto delicata”. Mi piacerebbe essere questo per qualcuno…poi se quel qualcuno fosse un uomo dallo straordinario talento…sarebbe tanto, più di quanto ognuno possa sperare.
    Ciao Emma

  8. buonasera, da un’Italia sempre più sotto slogan e da un mondo che mi appartiene sempre meno.
    questo sogno serviva oggi, serviva a portare un po’ di frescura nelle notti calde e nella banalità di un quotidiano di cui rimane solo polvere fra le dita e poco di più.
    passate un buon fine settimana.

  9. mi piace l’idea del tempo libero a passeggiare con una non amante e ancor più la complicità, la comprensione e l’affetto profondo. Merce davvero rara quando c’è l’appartenenza.
    Buon fine settimana Emma

  10. in effetti il post è fresco, come tutti quelli che crivi del resto. è la camera da cui ti scrivo che è bollente, un caro saluto emma.🙂

  11. io questa cosa della zanzariera me la ricordo. forse me la sono sognata, forse è vera. una zanzariers. me la ricordo. a Lazzaro. e tu c’eri. ma forse me lo sono sognato…

  12. Ho sempre pensato che fare lunghe passeggiate sia l’inizio della saggezza o di qualcosa che gli rassomiglia tanto. Ora che ci penso… non proprio l’inizio perchè quando si passeggia si è già arrivati a buon punto… e tra il passeggio e lo spesseggio, non c’è che un passo.

  13. buon lunedì ai marinai che sono approdati a questo porto per poi salpare.
    la saggezza può essere passeggiata, darioskji, credo, almeno. ma non attraversata di corsa.
    fan, conosco Lazzaro, ma il resto temo sia un sogno, quasi come il film Casablanca.
    willy, rarità vero? ma certe cose possono accadere.
    gians, portati il fresco dove vai, che averne di scorta fa sempre bene.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: