Piove un mondo freddo

la foto è di aknacer, per ascoltare anybody seen my baby cliccare sotto

Era Natale, scartai un pacco di quelli grandi, di cartone rigido.
Ci trovai dentro un accappatoio azzurro.
Adesso chiunque conosca Paolo Conte sa cosa significhi un accappatoio azzurro.
Un posto dove andare, dove trovare casa, dove poter fare un bagno caldo mentre piove un mondo freddo.
Me lo regalò e lo usai pochissimo, non lo portai con me.
Gli accappatoi azzurri sono fatti per restare dove stanno.
E se te lo regali da solo è la fine. Significa che vuoi rimanere.
Che il posto dove andare è arrivato.
Stamattina sono stata svegliata da Paolo Conte.
Quell’accappatoio azzurro non l’ho più visto.
In bagno c’era il mio ad aspettarmi.
Azzurro.
(E.)

Published in: on ottobre 15, 2008 at 9:45 am  Comments (11)  
Tags: , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/10/15/piove-un-mondo-freddo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

11 commentiLascia un commento

  1. …come dire…sarò l’eccezione che conferma la regola, ma io, ho un accappatoio azzurro, che è un regalo…e che mi seguie da anni, dovunque.
    ecco

  2. Il mio e’ giallo, ed e’ stato un regalo di quello che mi ha fatto restare dove sono, anche quando fuori piove un mondo freddo… dentro devo dire, siamo sempre ben asciuti e contenti : )
    Mi piace leggerti Emma.

  3. Quando sento parlare di posti dove andare.. di strade da percorrere.. mi torna sempre un vecchia lettura che è stata per me di grande insegnamento e d’ispirazione per il resto della mia vita:
    ” ..quindi devi sempre tenere a mente che una strada è solo una strada: se senti che non dovresti seguirla, non devi restare con essa a nessuna condizione. Per raggiungere una chiarezza del genere devi condurre una vita disciplinata. Solo allora saprai che una strada è solo una strada e che non c’è nessun affronto a se stessi o agli altri nel lasciarla andare, se questo è ciò che il tuo cuore ti dice di fare. Ma il tuo desiderio di insistere sulla strada o di abbandonarla deve essere libero dalla paura o dall’ambizione.Guarda ogni strada attentamente e deliberatamente,mettila alla prova tutte le volte che lo ritieni necessario. Quindi poni a te stesso a te stesso soltanto una domanda….. questa strada ha un cuore?Tutte le strade sono uguali, non portano da nessuna parte. Sono strade che passano attraverso la boscaglia o che vanno nella boscaglia …
    Questa strada ha un cuore? se lo ha la strada è buona. Se non lo ha non serve a niente. Entrambe le strade non portano da nessuna parte , ma una ha un cuore l’altra no…una ti rende forte l’altra ti indebolirà..!”( da “a scuola dallo stregone” di Carlos Castaneda)

  4. anche io ho un accappatoio azzurro,regalo di mia madre, ottimo per un bagno caldo o una doccia bollente..
    in ogni caso, domani -seduta nella platea dello smeraldo- , spero tanto di sentila questa canzone dal vivo…e tante altre per la verità! sono sinceramente emozionata.

  5. Bello! Complimenti!!
    Impalpabile quel giusto!!!
    L’importante è andare ma
    più ancora… ritrovarci ANDATI
    e mai ANDANTI… che poi sia azzurro
    indaco & violetto!… non importa. L’importante
    è l’impronta sull’accappatoio. Il mio, oggi, è bianco
    con cintura e cappuccio. E’ appeso in bagno qui a due passi. Gli altri dormono negli armadi sparsi un po’ qua, un po’ là, anche di ere passate, che mi vanno troppo e allora li passo alla Lei di turno che le vanno lunghi di maniche e anche il resto… mi chiedevo se hai un taccuino dove scribacchiare, segreto, da portare con te, per scrivere senza arte ma con tanti a parte… ce l’hai? potresti farne una foto e pubblicarla? Credi per caso all’immortalità dell’anima? E all’immortalità e basta? Crederai mica anche tu/te nel metabolismo!!!

  6. andiamo al mokambo a farci un caffè

  7. stavo giusto rispondendoti sulla cosa darioskji, da te.
    night la citazione non è a caso infatti.
    arc190 cara, grazie, resta asciutta e contenta!
    lois, cerco sempre scuse per essere smentita insomma!
    ale, grazie per la citazione, non insisto mai sulle strade, so che non hanno un’anima, ma quanto alle strade ricordo la citazione del film l’attimo fuggente che riprende poi invero una poesia di R.L.Frost, ed eccola qui:

    LA STRADA NON PRESA
    Divergevano due strade in un bosco
    Ingiallito, e spiacente di non poterle fare
    Entrambe essendo uno solo, a lungo mi fermai
    Una di esse finchè potevo scrutando
    Là dove in mezzo agli arbusti svoltava.

    Poi, presi l’altra, che era buona ugualmente
    E aveva forse i titoli migliori
    Perché era erbosa e poco segnata sembrava;
    Benchè, in fondo, il passare della gente
    Le avesse davvero segnate più o meno lo stesso,

    Perché nessuna in quella mattina mostrava
    Sui fili d’erba l’impronta nera d’un passo.
    Oh, quell’altra lasciavo a un altro giorno !
    Pure, sapendo bene che strada porta a strada,
    Dubitavo se mai sarei tornato.

    Questa storia racconterò con un sospiro
    Chissà dove tra molto tempo:
    Divergevano due strade in un bosco, e io…..
    Io presi la meno battuta,
    E di qui tutta la differenza è venuta.

    P.s. ferrista ci sto.

  8. Ciao emma, passo svolazzando nel cielo azzurro come un accappatoio che mi regala la sorte oggi🙂

  9. Ho regalato anni fa un accappatoio azzurro, ho sbagliato momento e taglia. E sì che la dovevo conoscere bene quella taglia. Mi è stata rimproverata di recente, questa incapacità di interpretare i desideri, forse perchè ci doveva essere un attaccapanni comune a cui appenderlo o maggiore attenzione da parte mia o un pensiero meno banale. Fattostà che per me un accapatoio azzurro è la dimostrazione della difficoltà nel mettere assieme ciò che penso e i simboli che mando

  10. ti saluto al volo allora, medita
    willy ognuno ha il suo, allora, come ho detto a lois, ovvero vengo smentita quando provo ad assolutizzare le mie convinzioni, a farne teoria (ben mi sta!)
    il mio accappatoio, ovvero la materializzazione della sensazione di casa, di restare, mi ha ispirato tutto questo, oltre alla canzone di paolo conte di questa mattina con la quale ho aperto gli occhi e ho sorseggiato il caffelatte.
    il video scelto e la canzone invece vogliono dire altro, e vi invito a guardarlo e ad ascoltarlo, scoprirete anche un’angelina jolie coi capelli corti, che mi piace un mucchio, oltre a un bell’affresco del mondo moderno, per dirla alla fossati.
    buona serata.

  11. se mi dovesse piovere sull’anima, credo non mi asciugherei mai.🙂


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: