Musica, musica, musica

sotto la foto di nina, una delle innumerevoli versioni di bongo bong

Della Roma che ho lasciato ricordo il suo ottobre caldo, come un raggio di sole su un vetro a sciogliere ogni dubbio.
Ricordo la musica, tanta musica. Una città in musica, dal mare al centro.
Ostia stesa ad asciugare, con biciclette e palloncini al sole. Un canuto chitarrista sul bordo del pontile. Un teatrino improvvisato e bambini con le labbra di cioccolato.
Via del corso come un torrente, di colori, pantaloncini e canottiere, cappelli e giacche pesanti, in un misto di fragole e panna, di gelati e caldarroste, e ancora roller blades uno dietro l’altro e salite e discese e radioloni anni ottanta dietro a rotolare insieme, artisti di strada accovacciati sul selciato, un bimbo con un jambè ad accompagnare la passeggiata, e piazza del popolo con un paio di elicotteri dentro e via del babuino elegante nei suoi negozi nuovi di zecca, e il pincio sotto un albero di cachi a guardare il sole che muore.
Musica di sottofondo.
Roma è musica, sempre.
Che se la spegni pare un delitto.
(E.)

Published in: on ottobre 20, 2008 at 10:37 am  Comments (11)  
Tags: , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/10/20/musica-musica-musica/trackback/

RSS feed for comments on this post.

11 commentiLascia un commento

  1. […] musica, musica Archiviato in: Midi — Ottobre 20, 2008 @ 12:37 pm Daniele Simonin: Ricordo la musica, tanta musica. Una città in musica, dal mare al centro. Ostia stesa ad […]

  2. sempre si.
    io ne ho sentita di molto bella nel weekend, e di insolita, almeno a me.
    cachi. anche quelli si, di stagione.
    hoi espresso il mio desiderio.

  3. Fortunella Emmilla
    già l’anno prossimo musica morta de meno.
    La prossima volta che vieni te sbomballerai 45 ore filate de stornelli romani et magaro anche di inno de Mameli.
    Che già per dire il festival della filosofia – musica di altro tipo, ancorchè gratis – itòssene a puttane.

  4. E aggiungerò che stessa fine toccò al festival della Fotografia.

    Restano i maritozzi. Per ora.

  5. ben tornato raggio di sole
    p.s. pare un arcobaleno. magari lo è!!

  6. viva la musica che ti va
    fin dentro all’anima che ti va
    penso di credere che finirò
    sempre di vivere di te..

    (ecco che Paolo Conte ha le parole per tutto..)🙂

  7. roma e musica, binomio inscindibile (a volte la musica è sommersa dal rumore, ma questa è un’altra storia). Ieri sono stato ai Castelli, altra musica pure lì🙂

  8. Mi hanno appena telefonato da roma
    chiedendomi da fare con l’acca in mezzo
    se volevo fiondarmi domani pomeriggio negli studi
    della rai per leggere il libro di saviano a mo’ di maratona… ho risposto che proprio non potevo.
    ha replicato se volevo andare oggi.
    Allora non capisce le ho risposto.
    Ed ella… ma cosa c’è da capire!
    Non capisce che io l’amo???
    Gesù.
    Come ha fatto a indovinare il mio nome.
    Io non indovino io Fahre con l’H in mezzo…
    QUesto lo so però…
    Però cosa…
    (continua).

  9. buonasera a tutti voi, viandanti di passaggio da questo luogo.
    pensate siano rimasti i maritozzi soltanto ed abbiano distrutto tutto? vi inviterei a fare un giro altrove per scoprire che molte cose sono ancora vive proprio a roma e in nessun altro posto.
    l’albero di cachi era bellissimo, i frutti rosseggiavano al sole del tardo pomeriggio.
    sono fortunella? non credo, mi bastano certe cose, forse poche.
    e paolo conte, anche se è bravo, non può spiegare tutto, nemmeno se si chiamasse pasolini potrei dirlo, che è tanto dire per me.
    ah i castelli mi sono mancati dal giro, eppure ho girato tanto, come una trottola coi piedi gonfi, per intenderci.
    quanto alla lettura di saviano non so che cosa c’entra con l’arcobaleno, ma speriamo abbia un senso (scherzo, eh!), in ogni caso gli inviti all’ultimo momento dovrebbero essere colti al volo e l’amore anche. se l’ami, lei esca pure!

  10. certo che la musica del mio radione anni 80 era di difficile interpretazione a livello di ballo, solitamente uscivano le note di dè andrè e guccini.🙂 come racconti i luoghi tu…

  11. […] musica, musica « MI VA Archiviato in: Midi — Ottobre 20, 2008 @ 12:50 pm pistilla: Ricordo la musica, tanta musica. Una città in musica, dal mare al centro. Ostia stesa ad […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: