Per combattere l’acne

Ci sono parentesi che si aprono, nel mezzo storie intere si snodano, camminano, respirano, dormono, vivono, muoiono.
La nostra esistenza è fatta di parentesi, la nostra esistenza è fra parentesi.
Si aprono comode e tonde come madri comprensive, o quadre rigide e prioritarie, come tasse in scadenza. O si disegnano eleganti come graffe abusate, quando anche un paio di virgole farebbero al caso e basterebbero a separare, a distinguere.
Eppure ci servono. Sono funzionali, utili, necessarie.
Portano ossigeno nel vuoto spinto delle nostre gallerie del vento solitarie.
Quando si pensa alla propria finitezza viene da aprire le finestre e lasciare entrare tutto quello che arriva.
Anche se di sotto, al portone, si incontrasse l’ultima parentesi. Anche quella toccherebbe aspettare di poterla chiudere.
Ciascuno di noi è nel frattempo la vita.

(E.)

P.S sotto la graffa una gran bella canzone, di Vasco Brondi.

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2008/11/10/per-combattere-lacne/trackback/

RSS feed for comments on this post.

16 commentiLascia un commento

  1. Anche a me piace moltissimo la questione delle parentesi. In specie quelle graffe che sono epocali storiche fondamentali. Le tonde le considero una roba da pedanti.
    Mi piacciono i trattini lunghi, danno aria implicano una successione di momenti la fanno notare – ma non sempre vanno in coppia.

  2. da non tralasciare il fatto che le parentesi hanno una loro gerarchia e non si può aprirne una senza chiudere l’altra (o qualcosa di simile…)😉

  3. Quando si pensa alla propria finitezza viene da aprire le finestre, chiudere casa e partire. C’è un senso generale nella vita e le parentesi restano parentesi, ma il senso non viene da fuori. Mi rattrista un pò questa considerazione che bevo con caffè e kairos.
    Buoni giorni Emma.😉

  4. pensi che questi versi abbiano qualcosa a che vedere con le parentesi? secondo me si, comunque sono belli.

    “Fedeli al duro accordo
    non ci cerchiamo più
    Così i bambini giocano
    a ridere per primi
    guardandosi negli occhi
    e alcuni sono così bravi
    che diventano tristi per la vita intera”

    – michele mari, cento poesie d’amore a LadyHawke

  5. non faccio mai complimenti se non quando sono da te in visita….complimenti!😉

  6. Le parentesi, quelle della vita, sono solo apparentemente chiuse e in coppia…credo nella connessione, ci credo profondamente e non penso ci siano parentesi davvero estranee ed isolate.
    Spesso del legame tra le varie parentesi ce ne accorgiamo tardi.
    Un baciotto
    Tez

  7. (((((((((((((((((((((((((((((?))))))))))))))))))))))))

  8. le graffe sono quelle concrete, le quadrate non mi piacciono tanto, le tonde sono frivole!
    ciao emmuzza

  9. non spiegare, scrivere e non spiegare.
    la scrittura è una delle parentesi della nostra esistenza e per me è una delle più piacevoli.
    le graffe, quando bene usate sono belle, vero, zau, per questo sotto la graffa c’è una bella canzone (che nessuno avrà senz’altro ascoltato).
    esatto, c’è anche la storia delle gerarchie, medita, con rispetto sommo per esse, spernacchio anche, si può?
    temo di non aver capito se hai capito cosa intendevo, willy, ma ho quasi paura a dirlo, per il mio intento tutto nuovo di non spiegare, chè si svilisce la forma, che anche lei ha la sua importanza, no?
    d, grazie cara, certo che c’entra, i bambini e i grandi, tutti; il gioco di a chi ride prima certo, spesso riuscivo a vincerlo.
    complimenti a te, NY, buongustaio!
    tez, tesoro, i legami, ecco, proprio quelli sono balzani, fanno un po’ come pare a loro.
    darioskji, temo tu abbia capito.😉
    bitù, bentrovato!, la canzone ti gusta?

  10. la canzone è molto carina. Anche il video in verità.
    Per il resto sarei una che apre e chiude parentesi in continuazione.

  11. seguo i pensieri che mi provochi Emma, e chissà cosa capisco davvero, dovresti indagare con i tuoi lettori.
    Per me le parentesi sono importanti, ma è il senso della vita che mi affascina,per questo a volte apro le finestre e a volte sento che è giusto andarsene per restare sè.
    Buona serata Emma

  12. a volte le parentesi sono utilizzate a sproposito, mi vengono in mente quelle della lettera che totò detta a peppino.🙂 per quelle della vita, è sempre piacevole aprirle, ma molto spesso non ne si conosce il contenuto. ciao emma cara.🙂

  13. magari avessi aperto una parentesi per me oggi.
    nemmeno per sogno!
    suggerisci di indagare coi miei lettori, willy? beh io indago solo che loro non lo sanno.
    tess, pure io sai?
    ciao gians e con te saluto gli altri di passaggio.
    volevo dire che la frase finale di questo post è una frase con la quale sintetizzerei un libro che ho letto di recente. sulla morte e sulle sue parentesi.

  14. Ne ho appena chiusa una. Era solo tonda, però. Alle questioni complicate riservo le graffe. E questa era tonda. Però di un tondo spigoloso… E anche lì c’era vita dentro. Me l’hai fatto ricordare… Notte Emma! Stefi

  15. Apri una parente,diceva Totò.Ecco: a volte è questione di sillabe:)
    Ciao
    mk

  16. Hello there, just became alert to your blog through Google, and found that it’s really informative. I am going to watch out for brussels. I’ll be grateful if you continue this in future.
    A lot of people will be benefited from your writing.
    Cheers!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: