Contromano

la foto è  di BNCTONY, che trova le immagini ai miei pensieri, inconsapevole

La gente abbandona qualunque cosa per strada. Lascia pezzi di sé senza paura di essere scoperta dai dettagli delle cose. Senza paura che le cose urlino chi li ha abbandonati e chiedano di essere riportati indietro.
Certe cose pare che stiano lì a chiamarti, come una terra che chiede acqua. E come un fiore reciso, chiedano il perché dell’abbandono.
Questi oggetti abbandonati sono come le persone. Raccontano, parlano di sé.
Dicono cose dolci con l’amaro in bocca, di chi ha conosciuto il sole e adesso è solo fango. Non hanno memoria, ma sono memoria.
Smemorata storia di vite degli altri.
E se si potessero fermare quelle storie, in una immagine.
Stamattina avrei voluto avere una macchina fotografica pronta.
Una donna anziana vestita di rosso in bicicletta con una sciarpa sui capelli e gli occhiali da sole, andava contromano.
Scesa da un pianeta diverso.
Ci ricordava che se non fossimo intruppati nelle regole anche noi saremmo liberi.
Di andare contromano senza farci male.
(E.)

Published in: on marzo 16, 2009 at 10:02 am  Comments (8)  
Tags: , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2009/03/16/contromano/trackback/

RSS feed for comments on this post.

8 commentiLascia un commento

  1. e invece ci tocca fare la coda…

  2. le cose siamo noi sputati, abbandonati nella menzogna d’uno scenario per piacere. Eppoi tolto il fondale restano gli schizzi di fango, come sentimenti virati, tolti dal contesto, ricacciati ad essere altro, fino all’abbandono. Chè tanto ciò che non serve è res nullius in attesa d’altri occhi interessati e attenti.

  3. la domanda che mi viene è: per quanto uno può andare contromano prima di essere spianato? Domanda terra terra, propria di chi sta ancora facendo la coda..

  4. si, la gente dimentica con una facilità incredibile anche il dolore che si ha dentro. lo fa per continuare a vivere, non per masochismo. un caro saluto.

  5. volevo solo dire che gians ha continuato i miei pensieri.
    le code della tess e di medituzzo non sono poi cosa dolorosa, ecco.
    willy, res nullius e` ben altro e diciamo che serve anche, solo che non ha padrone, comunque hai reso cio` che intendevi.

  6. …penso al passeggino trovato nei fori imperiali dai volontari che si sono messi a ripulirlo.
    Si dimenticano le vie del trionfo e ci si ritrova spesso alieni nel proprio mondo. Tant’è.

  7. CONTRO le regole con più spirito!!
    E POTENZA!!

  8. doppio urrà, non mi capita quasi mai.😉 ciao emma cara.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: