Alice et moi

Ci sono lunedì che non vuoi, ce ne sono altri che arrivano con la giacca pesante, quando l’avevi dismessa, e ti dicono di provare a raggomitolarti, ti dicono che hai una buona cera, anche con grigio fuori.
Oggi vi regalo uno short-movie. Uno di quelli adatti a certe giornate, in bianco e nero, con tanta ironia e molte sfumature di grigio, che vanno dalla storia universale a quella delle nostre città, dalle relazioni alla famiglia, da un passato nebuloso ad un futuro incerto.
Siamo noi. Fratelli a tutte le latitudini.
Soli e persi, smarriti in volti cancellati dalle nostre aspettative, dai desideri che abbiamo cucito sopra. Vogliosi di appartenere a qualcuno, ma sordi all’ascolto.
In sfogo perenne sulle nostre mancanze.
In bianco e nero.
Tanti lui come me.
(E.)

p.s. avevo detto a Zau che avrei postato un corto, in cui il doppiaggio non sarebbe servito, o forse avrebbe tolto qualcosa, eccolo.
Published in: on aprile 20, 2009 at 11:21 am  Comments (9)  
Tags: , , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2009/04/20/alice-et-moi/trackback/

RSS feed for comments on this post.

9 commentiLascia un commento

  1. Emmilla è bellissimo:)
    Ma non è che mi faccia cambiare molto idea ecco:)

  2. ancora mi leggo qui. ancora mi leggo. qui.😦

  3. dopo tutto è solo lunedì
    non fare tante storie
    il bianco e nero è il cinema
    il terzo uomo è in bianco e nero
    il cinema è il terzo incomodo
    il termine medio tra la termini e
    la tiburtina, tra il lago di tiberiade
    e il battesimo nel giordano, tra bruno giardano
    e giordano bruno.

  4. terzium non datur, la vocazione è tra fare la toppa o il vestito. Mai nessuno che punti subito sul nudo. Anche il lunedì. Settimana in discesa, inferi o scalinata di marmo lo dirà il caos.

  5. in apnea.
    in salita direi, willy.
    bricioletta, non ti rattristare.
    zauberei, si tratta di un parere, infatti.
    darioskji, e` solo martedi, adesso, ma mi pare un macigno.
    punto sul nudo, comunque, per tornare a willy, nel senso di privazione, di vuoto spinto, forse.

  6. direi che è perfetto in queste giornate che più bianco e nero non si può

  7. Stupendo Emma!
    Molto architettonico, ne hai altro??

  8. nudo è meglio, ma tu per caattere non ci sei distante. E’ un pregio🙂

  9. te ne suggeriro` altri, diana, certo, non architettonici forse, ma uno ti piacera` senz’altro, lo segnalero` appena trovo in link.
    tess, oggi e` assolato per esempio, il bianco e nero quindi c’entra meno.
    willy, cruda, si, sono cruda.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: