Essere

la musica e` sotto la vasca

la musica e` sotto la vasca

Voce del verbo. Voce. Verbo.
Se stessi. Come se ci si rincorresse, bussare per aprirsi.
La cosa più difficile è rimanere, restare vicini a quello che si vorrebbe.
Essere.
Sentire le proprie mani, le proprie gambe, il proprio respiro.
I movimenti impercettibili del proprio corpo.
Come se ad essere si facesse molta più fatica che a stare o a parlare o ad occupare uno spazio inconsapevole. O ad avere.
Siate pure voi.
In un esortativo da pulpito.
Come se fosse facile essere e non perdere.
Che a perdere non siamo buoni, non ci stiamo a perdere, magari rinunciamo ad essere ma dobbiamo restare con il nostro gruzzolo di partenza.
Che rischiare ci pare significhi solo mettere dei soldi, non provare ad essere.
Semplicemente essere senza condizioni e senza strutture.
Senza omologare pur di farci stare dentro il nostro posto. Caldo e scomodo.
Essere.
Che non essere non è una scelta o un dilemma.
E` solo smettere di guardarsi o rinunciare a respirare.
(E.)

Published in: on ottobre 2, 2009 at 9:31 am  Comments (7)  
Tags: , , , , ,

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2009/10/02/essere/trackback/

RSS feed for comments on this post.

7 commentiLascia un commento

  1. il proprio respiro dentro il respiro di un altro. l’assoluto.

    il resto , sull’essere, l’ha scritto w.

  2. essere credo sia una delle azioni più faticose, diverso il presumere, oppure il ripromettersi d’essere. Essere è hic et nunc senza sconti, nè inutili cattiverie. Essere come dici è rischio ed errore intrinseco. Essere è dubbio e movimento. Essere non è esistere🙂

  3. “No soy nada.
    Nunca seré nada.
    No puedo querer ser nada.
    Aparte de esto, tengo en mí todos los sueños del mundo”.

    Pessoa

    (buon fine settimana)

  4. la cosa più difficile è sentirsi. Buon we

  5. Pare tu abbia dato una bella soluzione a Sheakespeare, peccato, ci abbia lasciato le penne nel frattempo.😉

  6. Mi sono sentito parte di un universo mondo,di un respiro cosmico perfettamente sincrono con il mio.Peccato che poi ti rimane mal di testa.

  7. vai sul difficile!… essere vuoti
    a perdere: esserci i gusto; per gusto
    e poi si sa
    dove c’è gusto
    non c’è perdenza
    ma essenza… essere ESSENI
    o nazorìti.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: