Ordinary people

caracol - snail - photo by pedro pacheco

Propositi di inizi che tardano ad arrivare, trascinati su strade che non vogliamo più percorrere, ci piacerebbe prenderne una diversa una volta e vedere dove ti porta. Accontentarsi. Che pare un miracolo quasi, che significa che già qualcosa si ha e allora non si può chiedere oltre. Decadenza intellettuale. Decadenza. Come prescrizione, come perdita, come allontamento. Gli uomini invecchiano, si deteriorano, terminano. E quindi basterebbe riuscire a distinguere l’essenziale dal superfluo per smettere di perdere tempo con inutilità e prendere tutto il tempo che abbiamo e farne qualcosa di buono. Che il tempo non lo acciuffo nemmeno se corro da forsennata. Che se tutte le mattine trovo lo stesso sguardo allo specchio forse dovrei far qualcosa per cambiarlo. Cambiare punto di vista, liberare qualche scaffale, fare una cernita dei vestiti e tuffare tutto come un biscotto da thè nel tempo che rimane. Fare spazio per il tempo che rimane. E camminare apparentemente come gente ordinaria senza il tempo che soffia intorno.

(E.)

The URI to TrackBack this entry is: https://milanovalencia.wordpress.com/2010/01/13/ordinary-people/trackback/

RSS feed for comments on this post.

9 commentiLascia un commento

  1. Ottimo rientro.

  2. Bellissimo post.
    Io di fare progetti e di stilare buoni propositi ho smesso da un pezzo. Meglio regolarsi strada facendo…

  3. comprare un paio di stivali nuovi in saldi. Più o meno ho deciso di fare come astrid

  4. Ciao Bella e ben tornata.. L’anno nuovo è ricominciato come il vecchio.. anche se certi eventi, come quelli accaduti alcuni giorni fà, ci fanno nuovamente fare i conti con le nostre coscienze..!! E’ per questo che da qualche giorno non riescio a togliermi dalla testa questo motivo.. che sai… e che ti lascio come dono e come rilfessione. http://www.youtube.com/watch?v=1YQTTbOdamI&feature=player_embedded#at=224 A presto…!!

  5. Riposto

  6. Non saprei che dirti, se non che i piaceri della vita si evolvono linearmente con l’età. Questo mi capita e altro non sò.

  7. partire e` un po’ morire, lo scrivo sorridendo.
    non sono partita, non piu` del solito intendo, sono solo stata distante per un po’ da qui, per mancanza di tempo, per altre priorita`, per evitare di scrivere come non faccio quasi mai cose strettamente connesse alla mia quotidianita`.
    non sono d’accordo con gians, temo di essere leopardiana in questo, l’uomo primitivo come il bambino godono di piu`. ma forse ho interpretato male il tuo commento.
    ci vuole pane e coraggio di questi tempi, e visto che sono un po’ a dieta, solo coraggio.
    passatemi questa idiozia, amici, perche` ormai qui sono rimasti solo gli amici.

  8. Almeno quelli.

  9. Diciamo una via di mezzo, il mio commento (povero a dire la verità) intendeva dire che per arrivare a godersi gli anni, ci si deve liberare di tutto ciò che, giorno per giorno ci appesantisce. In ogni modo, ci conosciamo oramai da anni, e sappiamo che ci si chiarisce sempre. Un abbraccio.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: